L'ESSENZA DELL'ESSERE

LASCIA UN SEGNO DEL TUO PASSAGGIO.
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» buon 2013
Mar Gen 01, 2013 2:13 am Da SupDJ

» E SONO 5 MESI CHE MIO FIGLIO SI TROVA IN CINA
Gio Mar 22, 2012 10:27 am Da admin

» Nuovo terremoto a Verona, sentito anche a Milano
Dom Gen 29, 2012 1:53 am Da SupDJ

» Alcune foto scattate da me
Dom Gen 29, 2012 1:44 am Da SupDJ

» QUAL'è LA VERITà??
Gio Gen 26, 2012 12:42 pm Da admin

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Partner
creare un forum
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Condividere | 
 

 LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Sab Apr 17, 2010 5:20 pm

Mi hanno accusato di trattare argomenti troppo negativi. In mia difesa voglio dire che ci provo a vedere del positivo nel mondo, ma la cosa è assai difficile. Appena riesco a fare qualche scalino verso la felicità ecco che scivolo in fondo alla scala...e ritorno a vedere solo cose negative.

Noi siamo influenzati da quello che ci circonda: famiglia, scuola, lavoro, amicizie. Tutto ci influenza e noi le influenziamo a nostra volta. E' difficile essere in equilibrio con il resto del mondo.
Dovremmo forse vivere come eremiti, lontano da tutto e da tutti. Invece siamo qua a confrontarci ogni giorno con gli altri.
Ogni tanto sento canzoni o poesie che mi riempiono il cuore e mi dico: ecco vedi, basta poco per esser felici..e poi sbamm!!! ricasco a terra, con i miei stupidi problemi.
Ogni tanto mi guardo intorno e vedo persone che soffrono realmente: malattie, morti, povertà....e penso a come sono fortunata. Ma questo non mi basta per esser felice!!!
Perchè si vive???
Perchè abbiamo la capacità di complicare tutto!?!
Ed ora una serie di frasi “scontate”:
Sorridiamo e saremo ricambiati.
Perdiamo e saremo perdonati
Amiamo e saremo amati.
Aiutiamo e saremo aiutati.
Ascoltiamo e saremo ascoltati
...e poi basta...( mi sembra di essere a messa)

Ciliegina sulla torta:

"non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te stesso" ovvero "AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO"
Ma visto che ci sono parecchie persone che non si amano...non potranno neppure essere amate ( secondo la logica di queste frasi del vangelo).


n.b. : potete scrivere senza essere iscritti. Avrei piacere di confrontarmi con gli altri. study study
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
leila
iper-amico
iper-amico
avatar

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 26.02.10
Località : lombardia

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Sab Apr 17, 2010 8:59 pm

Semplicemente bisogna star bene con se stessi per star bene con gli altri... Very Happy Laughing

Non facile, specialmente se sei circondata da persone che sembrano non apprezzarti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Dannato
iper-amico
iper-amico


Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 14.04.10

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Sab Apr 17, 2010 11:33 pm

Piccola impara a fregartene di quello che dicono gli altri. sei staia ad ascoltare tutti non te la cavi più!
Mio padre mi raccontava la storia del bambino di suo padre e dell'asino: ( ho riassunto)
padre, figlio e asino sono in viaggio, il fanciullo a cavalcioni sull'asino. Arrivano al primo paese, la gente comincia a criticare il fatto che il giovne si faccia portare mentre il padre più anziano va a piedi. Allora il ragazzo scende e sale il padre. Arrivano al secondo paese e la gente critica il fatto che il padre stia sull'asino mentre il ragazzo cammina. Il padre allora fa salire anche il figlio. Arrivano al terzo paese, qua la gente critica il fatto che stiano entrambi sopra quella povara bestia. Smontano entrambi. Nel quarto paese la gente li critica perchè hanno un asino e vanno a piedi.....stufi di essere criticati da tutti liberano l'asino.

NON IMPORTA QUELLO CHE FAI, LA GENTE TI GIUDICHERA' SEMPRE E COMUNQUE...QUINDI FREGATENE!!!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Sab Apr 17, 2010 11:57 pm

Benarrivato Dannato! Mi piace come ragioni, andremo d'accordo. Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Dannato
iper-amico
iper-amico


Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 14.04.10

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Lun Apr 19, 2010 7:47 pm

admin ha scritto:
Benarrivato Dannato! Mi piace come ragioni, andremo d'accordo. Wink

Grazie. bounce bounce
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Gio Apr 22, 2010 11:28 pm

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Dannato
iper-amico
iper-amico


Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 14.04.10

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Gio Apr 29, 2010 6:11 pm

bella fotografia, sicuramente in un luogo del genere ritrovare se stessi sembra più facile.
Posso chiederti che posto è?

Bisognerebbe essere capaci di trovare uno "spazio" per ritrovare se stessi. Anche in città.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
leila
iper-amico
iper-amico
avatar

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 26.02.10
Località : lombardia

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Mar Mag 04, 2010 10:26 am

impariamo a guardare le piccole cose. andate in un parco nella vostra città, sedetevi su di una panchina e ascoltate: gli uccellini cantano, il vento soffia tra i rami degli alberi. Il profumo delle piante in fiore, i fiori che macchiano i prati. Piccoli spazi. Aprite gli ochhi e imparate a guardare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Mer Feb 09, 2011 8:23 pm

Leila mi piacerebbe molto riuscire a riequilibrare il mio "karma" semplicemente sedendomi su di una panchina in un parco...Purtroppo non è così facile. Le persone sono sommerse da pensieri, molte volte negativi e più uno pensa a queste cose più diventa negativo. forse la tranquillità di quel momento potrà farti sentire meglio per qualche istante, ma la vita continua e noi maciniamo pensieri.
Forse dovremmo diventare eremiti..o suore di clausura. Solo non avendo "cose" a cui pensare si riuscirebbe a trovare il giusto equilibrio. Non per niente i monaci tibetani abitano fuori dal mondo, lontano da tutto..anche se ormai, anche per loro rimanere in quello stato diventa sempre più difficile.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
leila
iper-amico
iper-amico
avatar

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 26.02.10
Località : lombardia

MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   Mer Feb 16, 2011 7:26 pm

admin ha scritto:
Leila mi piacerebbe molto riuscire a riequilibrare il mio "karma" semplicemente sedendomi su di una panchina in un parco...Purtroppo non è così facile. Le persone sono sommerse da pensieri, molte volte negativi e più uno pensa a queste cose più diventa negativo. forse la tranquillità di quel momento potrà farti sentire meglio per qualche istante, ma la vita continua e noi maciniamo pensieri.
Forse dovremmo diventare eremiti..o suore di clausura. Solo non avendo "cose" a cui pensare si riuscirebbe a trovare il giusto equilibrio. Non per niente i monaci tibetani abitano fuori dal mondo, lontano da tutto..anche se ormai, anche per loro rimanere in quello stato diventa sempre più difficile.

Per riuscire a ritrovare se stessi e mettersi in pace con il mondo, dobbiamo staccarci dalle cose materiali. Se guardi, in varie religioni, viene sponsorizzato il fatto che per avere una vita migliore (magari dopo la morte) bisogna abbandonare le cose materiali che ci appartengono.
Penso che non abbiano tutti i torti. Se noi non fossimo così attaccati alle cose avremmo meno paura di perderle e di conseguenza avremmo meno problemi.
Stesso discorso vale per le persone...ma qua non sono d'accordo. Non si può rinunciare ai sentimenti.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)   

Tornare in alto Andare in basso
 
LA MIA INTERPRETAZIONE DEL KARMA ( se mai si potesse interpretare)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» DISNEYLAND selezioni in Sicilia
» Il "piacere" del calcio
» CANZONI COME POESIE
» Il Sentiero dei Sogni: il Sogno all'interno delle varie culture
» Un messaggio dall'aldilà.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L'ESSENZA DELL'ESSERE :: LIBERI DI PENSARE E PARLARE :: ECCOCI QUA... :: L'ESSENZA DELL'ESSERE-
Andare verso: