L'ESSENZA DELL'ESSERE

LASCIA UN SEGNO DEL TUO PASSAGGIO.
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» buon 2013
Mar Gen 01, 2013 2:13 am Da SupDJ

» E SONO 5 MESI CHE MIO FIGLIO SI TROVA IN CINA
Gio Mar 22, 2012 10:27 am Da admin

» Nuovo terremoto a Verona, sentito anche a Milano
Dom Gen 29, 2012 1:53 am Da SupDJ

» Alcune foto scattate da me
Dom Gen 29, 2012 1:44 am Da SupDJ

» QUAL'è LA VERITà??
Gio Gen 26, 2012 12:42 pm Da admin

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Partner
creare un forum
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Condividere | 
 

 Pablo Neruda-

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Pablo Neruda-   Mer Feb 24, 2010 9:21 pm

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.
Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle “i” piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all’errore e ai sentimenti.
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi e’ infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l’incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna
o della pioggia incessante.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare.
Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento
di una splendida felicita’.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Mi piaci quando taci   Sab Mar 06, 2010 9:31 pm

Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.

Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell'anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.

Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.

Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.

Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: PERCHE' TU POSSA ASCOLTARMI   Gio Mar 11, 2010 11:32 am

Perchè tu possa ascoltarmi le mie parole
si fanno sottili, a volte,
come impronte di gabbiani sulla spiaggia.

Collana, sonaglio ebbro
per le tue mani dolci come l'uva.

E le vedo ormai lontane le mie parole.
Più che mie sono tue.
Come edera crescono aggrappate al mio dolore antico.

Così si aggrappano alle pareti umide.
E' tua la colpa di questo gioco cruento.

Stanno fuggendo dalla mia buia tana.
Tutto lo riempi tu, tutto lo riempi.

Prima di te hanno popolato la solitudine che occupi,
e più di te sono abituate alla mia tristezza.

Ora voglio che dicano ciò che io voglio dirti
perchè tu le ascolti come voglio essere ascoltato.

Il vento dell'angoscia può ancora travolgerle.
Tempeste di sogni possono talora abbatterle.
Puoi sentire altre voci nella mia voce dolente.
Pianto di antiche bocche, sangue di antiche suppliche.
Amami, compagna. Non mi lasciare. Seguimi.
Seguimi, compagna, su quest'onda di angoscia.

Ma del tuo amore si vanno tingendo le mie parole.
Tutto ti prendi tu, tutto.

E io le intreccio tutte in una collana infinita
per le tue mani bianche, dolci come l'uva.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: IL TUO SORRISO   Lun Mar 22, 2010 8:50 pm

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Pablo Neruda-   

Tornare in alto Andare in basso
 
Pablo Neruda-
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Pensieri a partire da una poesia (1) : Lentamente Muore - Pablo Neruda
» La Colomba della Pace di Pablo Picasso: quell'inesprimibile essenzialita' artistica
» Le poesie della tua vita

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L'ESSENZA DELL'ESSERE :: LIBERI DI PENSARE E PARLARE :: L'ANGOLO DELLA POESIA-
Andare verso: