L'ESSENZA DELL'ESSERE

LASCIA UN SEGNO DEL TUO PASSAGGIO.
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» buon 2013
Mar Gen 01, 2013 2:13 am Da SupDJ

» E SONO 5 MESI CHE MIO FIGLIO SI TROVA IN CINA
Gio Mar 22, 2012 10:27 am Da admin

» Nuovo terremoto a Verona, sentito anche a Milano
Dom Gen 29, 2012 1:53 am Da SupDJ

» Alcune foto scattate da me
Dom Gen 29, 2012 1:44 am Da SupDJ

» QUAL'è LA VERITà??
Gio Gen 26, 2012 12:42 pm Da admin

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Partner
creare un forum
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Condividere | 
 

 IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Gio Mar 11, 2010 10:56 am

Era il 3 novembre del 1957, quando dal poligono sovietico di Baikonur, che adesso si trova in Kazakistan, venne lanciata una capsula spaziale molto particolare. Perchè al suo interno si trovava Laika, il primo essere vivente nello spazio. Laika passò alla storia, per questa sua impresa.
L’esperimento fu molto crudele per la cagnetta. Ma fu proprio lei a inaugurare le passeggiate nello spazio. Ma intorno alla sua storia ci sono tanti misteri e tante bugie. Innanzitutto il suo nome: Laika, in realtà, si chiamava Kudrjavka (”Ricciolina”). Il nome con il quale è conosciuta le venne data in seguito, perchè era più orecchiabile. E poi non è assolutamente vero che fu lei il primo essere vivente nello spazio: prima di lei, ci fu il lancio di roditori e altri cani. Laika fu solamente il primo animale a orbitare intorno alla terra.
L’ultimo mistero riguarda proprio la morte della povera Laika: ufficialmente morì dopo quattro giorni per le escursioni termiche troppo forti. Secondo le ultime rivelazioni, infatti, Laika potrebbe essere morta già nelle fasi di lancio. Quindi lei non fece alcun giro nello spazio. Almeno non da viva.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Dannato
iper-amico
iper-amico


Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 14.04.10

MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Gio Apr 29, 2010 6:27 pm

e naturalmente non sapremo mai la verità!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
leila
iper-amico
iper-amico
avatar

Messaggi : 71
Data d'iscrizione : 26.02.10
Località : lombardia

MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Mar Mag 04, 2010 10:27 am

E già, questa è l'unica cosa certa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Mar Mag 18, 2010 3:48 pm

Mia figlia a scuola proprio in questi giorni sta studiando questi eventi : Laica, il primo uomo nello spazio, il primo uomo sulla luna. Come faccio a stare zitta e darle per certo quello che la maestra spiega in classe?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Dannato
iper-amico
iper-amico


Messaggi : 57
Data d'iscrizione : 14.04.10

MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Gio Mag 20, 2010 7:50 pm

tu raccontale la realtà:

Laika non visse nello spazio, la cagnetta morì dopo il lancio
di Vittorio Zucconi

L'animale fu spedito in orbita sullo Sputnik nel '57. I russi dissero che aveva resistito 7 giorni: non era vero.

WASHINGTON - Il cane che rincorse le stelle avrebbe di molto preferito continuare a rincorrere gatti e ciclisti per le strade di Mosca, se avesse potuto decidere lei, ma Laika non era un cane qualsiasi. Era un soldato, una bandiera, un latrato di battaglia, un monumento che l'Urss voleva costruire a se stessa con il materiale della Guerra fredda, con i motori, i missili, le ambizioni e, soprattutto, con le bugie della propaganda. Laika, la bastardina arruolata dagli accalappiacani di Kruscev nei vicoli di Mosca per essere la prima creatura vivente spedita in orbita, non morì la morte indolore nello spazio dopo una settimana di orbite, che la propaganda ci aveva raccontato allora, ma una morte orrenda e struggente, inscatolata nel minuscolo Sputnik, poche ore dopo il lancio. Il suo cuore di cane fu schiantato dal panico e dalla solitudine incomprensibile.
Un'altra delle perenni menzogne del potere in Russia, sovietico e non soltanto sovietico, viene a galla dopo 45 anni, dalla confessione di uno degli scienziati di quel programma spaziale che, tra il primo bip dello Sputnik e il viaggio di Gagarin attorno alla Terra, doveva essere la dimostrazione dei trionfi Socialisti sul nemico Capitalista. La prova della profezia di Nikita Kruscev all'Occidente, "in dieci anni vi seppelliremo".

Laika, insieme con Mushka e Albina, due altri cagnetti presi a caso tra i bastardini nelle vie della capitale, era stata scelta per la sua docilità, per la sua resistenza alle prove d'accelerazione nella centrifuga della "Città delle Stelle", la Houston alle porte di Mosca e, dannazione dei piccoli, per le sue dimensioni contenute. Non c'era molto spazio per ospitare un cane dentro lo Sputnik 2 dal peso totale di 108 chili, che i vettori sovietici erano in grado di sparare in orbita in quel novembre del 1957. Ma per piccina e mansueta che fosse, Laika era pur sempre un cane e ci volle tempo per adattarla a quel viaggio.

Con le sue compagne fu messa nel frullatore della centrifuga che le spingeva il cuore fino a tre volte il ritmo normale delle pulsazioni cardiache, nella paura e nella fatica di pompare il sangue nel corpo schiacciato dall'accelerazione gravitazionale. Aveva, dice ora lo scienziato russo, una tendenza a soffrire di panico, perché il cuore impiegava poi il triplo di tempo rispetto alle sue compagne, prima di tornare a velocità normale.

Laika e le sue compagne furono costrette a vivere in gabbiette e contenitori sempre più piccoli e strette da catenelle sempre più strette, per periodi successivi di 3 settimane e a nutrirsi solo di gelatine, la pappa che sarebbe stato messo a bordo, perché lo potessero, poco alla volta, con parsimonia, leccare fino all'esaurimento e dunque alla morte.

l dottor Dimitri Malashenkov, lo specialista che la seguì, ha raccontato ieri a un congresso di medicina spaziale a Houston, le ultime ore di Laika. L'elettrocardiografia seguita via radio segnò un aumento parossistico delle pulsazioni quando i motori s'accesero e il missile cominciò a vibrare sollevandosi dalla piazzola, qualcosa che la cagnetta non aveva mai provato prima. Raggiunta la velocità orbitale, il ventilatore, secondo i leggendari standard del controllo di qualità sovietica, naturalmente non funzionò e la temperatura nella trappola spaziale cominciò a oscillare tra il caldo e il freddo estremi.

Il suo cuore di cane prese a battere irregolarmente, fibrillando quando l'assenza di peso rallentò di colpo le pulsazioni e alla quarta orbita, dopo 5 ore di tormento, il tracciato divenne misericordiosamente piatto. Forse fu la temperatura a ucciderla, o l'umidità che si era accumulata nel suo ansimare dentro quello spazio, o l'anidride carbonica che i filtri nella capsula avrebbero dovuto ripulire, ma che, probabilmente, non funzionarono a dovere. Il dottore non è sicuro.

Ma chiunque conosca un cane e abbia visto gli occhi di Laika mentre la insaccano dentro la sua gabbia, sa di che cosa è morta quella cagnetta, è morta di paura e di solitudine. Di stress, se si preferisce un'espressione più asettica. Sognando i vicoli di Mosca, il branco dei randagi e i gatti che non avrebbe più rincorso, la mano di quegli uomini ai quali si era sicuramente affezionata, senza sapere quello che loro stavano preparando per lei. Il funerale di Laika fu lungo. Andò avanti per 6 mesi e 2.570 orbite, mentre il Cremlino mentiva sulla sopravvivenza di Laika nello spazio indicata in "oltre quattro giorni" e l'America si rodeva nella sua goffa rincorsa con missili che esplodevano dopo il lancio e scimpanzé africani che stava addestrando per inseguire i cani russi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   Sab Ago 21, 2010 6:18 pm

Ormai i nostri figli crescono in una società diversa da quella in cui siamo cresciuti noi.
Grazie Dannato, ho seguito il tuo consiglio, anche perchè ritengo giusto che i miei figli possano essere liberi di apprendere senza riserve.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO   

Tornare in alto Andare in basso
 
IL MISTERO DI LAIKA, IL PRIMO ESSERE VIVENTE NELLO SPAZIO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» il mio primo lavoro di grafica - Biglietti!!
» Il mio primo elicottero dinamico
» Il mistero del lago
» Il mistero delle Geishe
» Dai bestiari all'etologia: l'animale come essere naturale simbolico

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L'ESSENZA DELL'ESSERE :: LIBERI DI PENSARE E PARLARE :: NOI, LA LUNA E LE STELLE-
Andare verso: