L'ESSENZA DELL'ESSERE

LASCIA UN SEGNO DEL TUO PASSAGGIO.
 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» buon 2013
Mar Gen 01, 2013 2:13 am Da SupDJ

» E SONO 5 MESI CHE MIO FIGLIO SI TROVA IN CINA
Gio Mar 22, 2012 10:27 am Da admin

» Nuovo terremoto a Verona, sentito anche a Milano
Dom Gen 29, 2012 1:53 am Da SupDJ

» Alcune foto scattate da me
Dom Gen 29, 2012 1:44 am Da SupDJ

» QUAL'è LA VERITà??
Gio Gen 26, 2012 12:42 pm Da admin

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Partner
creare un forum
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Condividere | 
 

 Ragazzo al New York Times: «Nato in provetta, vivo nell'angoscia»

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
SupDJ
affezionato
affezionato
avatar

Messaggi : 316
Data d'iscrizione : 01.09.10

MessaggioTitolo: Ragazzo al New York Times: «Nato in provetta, vivo nell'angoscia»   Gio Lug 07, 2011 1:34 am

«Quando avevo cinque anni, mia madre mi rivelò che ero stato concepito con l'inseminazione artificiale»; «I bambini che nascono hanno diritto di sapere chi sono i loro genitori»; «Si sottovaluta l'importanza che ha per un uomo sapere da dove venga». Sono le frasi secche e politicamente scorrette, scritte da un “figlio della provetta” e apparse sulle colonne del New York Times dello scorso 29 giugno. L'autore sa tutto sin da piccolo. Ma non ci pensa. Quasi rimuove, racconta. Poi a 14 anni la maestra chiede a tutti gli alunni di ricostruire il proprio albero genealogico. E' qui che per il giovane ha inizio la sensazione di angoscia che ancora oggi lo accompagna in crescendo.

Il ragazzo ora diciottenne scrive infatti così: «Mia madre all'età di quarant'anni si ritrovò sola e senza figli. Aveva avuto una buona carriera ma era pentita di non aver fatto famiglia». Così, commenta glaciale il ragazzo, «decise di prendersi la briga di fare un figlio con le sue sole mani». Un fatto questo che «incuriosì molti. Alcuni la presero come un trionfo della autosufficienza femminile. Altri, particolarmente i famigliari e gli amici, erano contrari: “Non puoi avere un bambino senza un uomo”, le dicevano». «Invece ci riuscì», continua confessando quello che la fecondazione assistita semplicemente è, «perché si può fare e ti è permesso anche facilmente. La parte difficile, al massimo, è lasciata al bambino che quando cresce vive nell'ignoranza di chi sia suo padre. Le coppie sterili o le donne sole sottovalutano l'importanza cha ha per un uomo sapere da dove venga. I deficit emozionali e di sviluppo che nascono da questa ignoranza sono oggi troppo trascurati».

Non si può comprendere, aggiunge lo studente, «il vuoto che molti bambini, nati tramite fecondazione assistita, sperimentano. Chi nasce ha il diritto di sapere chi siano i propri genitori. Io sono uno di quelli e voglio sapere chi sia mio padre». Infine, il ragazzo descrive il senso di smarrimento e mancamento che lo accompagna oggi: «Siccome non so chi è mio padre, non potrei mai riconoscerlo neanche se lo vedessi. A volte mi sento soffocare dal tormento per le infinite possibilità date dal fatto che mio padre potrebbe essere ovunque: in mezzo al traffico di punta di un venerdì sera, dietro di me al bancone della farmacia, oppure lì a cambiarmi l'olio della macchina dopo settimane di scarsa manutenzione. A volte vivo una mancanza di sentimenti e parole tale che rimango semplicemente stordito pensando che lui potrebbe essere ovunque».

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
admin
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 22.02.10
Località : milano

MessaggioTitolo: Re: Ragazzo al New York Times: «Nato in provetta, vivo nell'angoscia»   Gio Lug 07, 2011 10:30 pm

Il problema di questo ragazzo lo reputo simile ai problemi che possono avere tutti coloro che vengono abbandonati da piccoli. Posso capire il desiderio di sapere i nostri geni da dove provengano, anche perchè potremmo essere portatori di qualche malattia genetica senza saperlo...ma non posso riuscire a capire l'angoscia che possono vivere. A me sembra esagerato. Se uno è cresciuto bene, se la madre single è riuscita a dargli l'amore che una madre sa dare...non vedo tutto questo star male per il non sapere chi è il padre...e poi, visto che è maggiorenne, penso possa recarsi alla banca dei donatori e chiedere il nominativo del padre ( al meno che egli non ha voluto rimanere anonimo..)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://parliamone.nice-subject.com
 
Ragazzo al New York Times: «Nato in provetta, vivo nell'angoscia»
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» E' nato il figlio di Gigi D'Alessio e Anna Tatangelo
» Hotel New York : Manhattan Restaurant
» PARKSIDE DINER restaurant - Hotel New York
» E' NATO MATTEO IL PRIMO FIGLIO DI CENTOVETRINE
» NEW YORK STYLE SANDWICHES - Disney Village

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L'ESSENZA DELL'ESSERE :: LIBERI DI PENSARE E PARLARE :: ECCOCI QUA... :: L'ESSENZA DELL'ESSERE-
Andare verso: